La Rondine si attiva per tenere compagnia ai bambini

47
Seven-year-old Betsy Davies is pictured in a coffee shop taking part in an ethical hacking expeirment to illustrate just how easy it is to hack into unsecure public Wi-Fi hotspots. In the simulated, controlled experiment, conducted by VPN provider Hidemyass.com and overseen by a security expert, primary school pupil Betsy learned to hack a device over a Wi-Fi network in just 10 minutes and 54 seconds. Hidemyass.com is calling on providers of free Wi-Fi to educate their customers on secure use. Additionally, given the increased attention given to teaching school children how to code, Hidemyass.com is urging schools to ensure that the ethics of internet use are taught to school children, in particular clearly educating them on why hacking is wrong.

La Cooperativa Sociale tramite la propria pagina Facebook darà vita a dei video-laboratori ludici per impegnare i più piccoli, costretti a casa dall’emergenza sanitaria

In questo momento particolare, in cui centinaia di bambini sono costretti a casa, così come la scuola ha avviato dei programmi di studio online, anche la Cooperativa La Rondine di Città di Castello terrà compagnia ai bambini del territorio e oltre, sulla pagina face book La Rondine Società Cooperativa con tante attività creative e giochi.

L’idea – dichiara il Presidente della Cooperativa, Luciano Veschi – è nata per aiutare le famiglie a gestire il tempo dei bambini dentro casa, in questo momento di restrizioni a causa dell’emergenza COVID-19, e tenere compagnia ai più piccoli esorcizzando la paura e continuando a stare insieme, anche se virtualmente”.

Video-laboratori ludici, creativi, scientifici e molto altro, verranno portati nelle case attraverso un mezzo concreto e molto diffuso, Facebook appunto, facilmente utilizzabile da genitori e nonni. Con questa iniziativa si vuole tenere alta l’attenzione sulle soluzioni, anziché solo sui problemi, e mostrare che insieme a molte limitazioni, ci sono tante cose che si possono ancora fare e questa è una di quelle.

In attesa di tornare nei parchi, quindi, tutti a giocare su Facebook!